Page:Harbottle - Dictionary of quotations French and Italian, 1904.djvu/328

La bibliothèque libre.
Sauter à la navigation Sauter à la recherche
Cette page n’a pas encore été corrigée
318
IL MONDO LODA~IL PERDER TEMPO.


"Il mondo
Loda sempre i felici : non si lagni
Del suo destin, chi migliorar nol tenta;
Che degli audaci è sol fortuna arnica."

 
Goldoni. Binaldo di Mont’ Albano, jfht I., Sc. V.—(Binaldo.)

 "Ever the world
Praises the fortunate : he must not blame
His destiny who seeks not to amend it,
For only on the bold does Fortune smile."

"(Secondo i Fisionomi) il mostro nel corpo è mostro nell’anima."

Stefano Guazzo Dialoghi Piacevoli. Dell’Honor delle Donne. (Ed. Piacenza, 1587, p. 405.)

"According to the physiognomists the monster in body is a monster in mind."

"Il nobile cavallo coll’ ombra della verga si regge; e il malvagio
appena si conduce cogli sproni."

Fra Bartolommeo da San Concordio. Giunta agli Ammaestramenti degli Antichi, 163.

"The high-spirited horse is controlled with the shadow of the whip, while the slug can hardly be made to move with the spurs."

"Il non sapere, quando non è restato da te, non è vergogna, ma sibbene il non volere imparare."

Varchi. L’Ercolano. (Opere, Milano, 1804, Vol. VI., p. 25.)

"There is no disgrace in not knowing, when knowledge does not rest with yourself; the disgrace is in being unwilling to learn."

"Il nostro è secolo di transizione, e, quel e peggio, di transazione. Addio coscienza!"
G. B. NiccoLiNi. (Van7iucci, Ricordi della Vita di G. B. Niccolini, Vol. I., p. 382.)
"Ours is a century of transition, and, what is worse, of compromise. Farewell conscience!"

"Il nulla
A più veggenti savi:
lo nella tomba trovero la cuUa."

Zanella. La Veglia.

"Nothingness may be
The goal of wiser men:
I in the tomb another cradle see."

"(Che) il perder tempo a chi più sa più spiace."

Dante. Purgatorio, III., 77.

"Him who knows most time lost doth most displease."—(J. I. Minchin.)

"Chi sa non perdere tempo fara ogni cosa bene; e chi sa
adoperare il tempo sara signore di tutte le cose."
Pandolfini. Del Governo della Famiglia. (Ed. Milano,
1802, p. 128.)
"Whoso never loses time will do all things well, and whoso knows
how to employ his time is the master of all things."